Precognizione - RIP - Ricercatori Italiani Paranormale

-
Vai ai contenuti

Precognizione

Glossario > Paranormologia - Psicofonia

Insieme a telepatia e chiaroveggenza, la precognizione costituisce la percezione extrasensoriale, è in pratica la conoscenza anticipata di eventi che ancora non esistono e di cui, nel presente, non esistono premesse. La precognizione è forse il più inquietante dei fenomeni paranormali, in quanto sembra annullare la legge causa/effetto e pone seri dubbi sul libero arbitrio e sulla libertà personale. E' un fenomeno antico come il mondo e profondamente radicato nella storia umana. Da sempre infatti l'uomo ha creduto che sogni, intuizioni e visioni potessero consentirgli di gettare un'occhiata su ciò che non esiste e che si verificherà solo in seguito. La precognizione è sovente difficile e logorante da accettare, soprattutto da parte del sensitivo, in quanto il più delle volte sono previsti fatti drammatici (morti, incidenti, sciagure ecc.) con visioni molto nitide ma mancanti di indicazioni fondamentali come date e luoghi. Al grande interrogativo suscitato dalla precognizione, di come cioè essa si possa conciliare con la nostra libertà personale e con il libero arbitrio, si può rispondere con la spiegazione che a suo tempo diede Nostradamus: certi individui, in particolari circostanze, hanno la facoltà di integrarsi all'eternità che abbraccia tutti i tempi e predire l'avvenire; cosa possibile in quanto tutti gli avvenimenti presenti, passati e futuri sono già presenti, poiché il tempo è una nozione umana, adatta alla costituzione del nostro essere; il tempo cioè non esisterebbe come tale e certe persone avrebbero il dono di poter vedere ciò che apparentemente è futuro ma, in realtà, è un attimo che ci perviene attraverso diverse lunghezze d'onda. Oggi la fisica moderna sta confermando questa valutazione.

Cosa dice WIKIPEDIA a questo proposito





Fonte bibliografica:
DIZIONARIO DEL MISTERO di Paola Giovetti Edizioni Mediterranee.       

Adattamento: Roberto - R.I.P.

Torna ai contenuti